Educazione alimentare Ricette

Hummus di ceci con pomodori secchi

8 Giugno 2020
hummus di ceci con pomodori secchi

I legumi sono poco presenti nella nostra alimentazione e, quando ci sono, spesso vengono utilizzati come contorno di un secondo piatto: due esempi classici sono la grigliata di carne accompagnata, tra le altre cose, dai fagioli e il cotechino con purè e lenticchie. In realtà le caratteristiche nutrizionali dei legumi sono molto diverse da quelle degli ortaggi: essi infatti apportano proteine e, in quantità minore, carboidrati.

Proprio in virtù del contenuto di proteine, le linee guida per la sana alimentazione inseriscono i legumi nel gruppo delle fonti proteiche assieme a carne, pesce, uova e formaggi. Il ruolo dei legumi è quindi quello di un vero e proprio secondo piatto. E qui arriva il bello, perché se le linee guida suggeriscono di aumentare il consumo di legumi per gli effetti positivi che questi hanno sulla salute, non ci spiegano concretamente come fare ad inserirli nella nostra alimentazione.

Servono degli spunti pratici, delle preparazioni, dei suggerimenti. Il dietista fa (anche) questo: è un ponte tra le indicazioni generali e la vita reale.

Quindi, ecco qui una ricetta semplice, veloce (e soprattutto buona) per iniziare ad esplorare il mondo delle preparazioni a base di legumi: hummus di ceci con pomodori secchi. Vi serve solo un mixer ad immersione col suo bicchiere oppure un frullatore!

Ingredienti

-un barattolo di ceci pronti al consumo (240 g sgocciolati) o pari quantità di ceci cotti

-1 cucchiaio di tahina (crema di semi di sesamo) o di semi di sesamo

-2 pomodori secchi sott’olio

-il succo di mezzo limone

-un pezzetto di aglio se gradito

Procedimento

1- Scolare i ceci e sciacquarli bene sotto l’acqua corrente. Mettere i ceci nel bicchiere del mixer o nel frullatore assieme a 1 cucchiaio di tahina (o di semi di sesamo), 2 pomodori secchi scolati dall’olio, il succo di mezzo limone e, se piace, un pezzetto di aglio.

2- Frullare il tutto fino a che non si ottiene un composto cremoso ed omogeneo. Se gli ingredienti faticano ad amalgamarsi è possibile aggiungere un paio di cucchiai di acqua continuando poi a frullare. L’hummus si conserva 1-2 giorni in un contenitore chiuso in frigorifero.

I pomodori secchi sott’olio sono piuttosto salati e, anche se scolati dall’olio, ne trattengono comunque un po’: non è quindi necessario aggiungere ulteriore sale ed olio alla preparazione.


Come abbinarlo?

E’ perfetto spalmato sul pane e accompagnato da un contorno di verdura cruda: io di solito lo abbino ad un’insalata mista per ottenere un piatto fresco, veloce e completo. L’hummus può essere utilizzato anche per farcire una piadina: da provare la combo hummus-verdure grigliate o hummus-rucola-pomodorini!

In alternativa può diventare un sugo per condire una pasta: basta allungare l’hummus con qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta fino ad ottenere una consistenza più fluida (si sposa molto bene con il sapore della pasta integrale). Anche in questo caso, per rendere completo e bilanciato il pasto, basta abbinarci un contorno di verdura.

Enjoy!

1.329 Visualizzazioni

Ti potrebbe interessare anche

1 Commento

  • Rispondi Giovanni P 8 Giugno 2020 at 22:14

    Wooooooo grande Silvietta! Anche con i cannellini esce bene l’hummus con i pomodorini secchi (e i capperi e la menta)

  • Rispondi